la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

Un testimone della fede

E’ morto il 17 marzo papa Shenouda III, capo della chiesa ortodossa d’Egitto, la chiesa più antica d’Oriente. Nato nel 1923 nell’Alto Egtto a Asyut. Divenuto monaco nel 1954 venne scelto nel 1971 come patriarca dei copti e chiamato Papa Shenouda.

Dopo il Vaticano II è stato intrapreso un percorso di dialogo ecumenico tra la chiesa copta e la chiesa cattolica. Papa Shenouda III è stato protagonista di questo dialogo e ha incontrato papa Paolo VI nel maggio 1973. Era la prima volta da secoli che le chiese si incontravano. Da qui ebbe inizio anche un dialogo teologico che sfociò in una dichiarazione del 12 febbraio 1988 riguardate la fede in Gesù Cristo. I copti infatti non riconoscono il concilio di Calcedonia. Questa dichiarazione comune ha concluso un periodo di secoli di incomprensioni e di lontananza e ha espresso la comune fede nela formula: “Crediamo che il Nostro Signore, Dio e Salvatore Gesù Cristo, il Verbo Incarnato è perfetto nella Sua Divinità e perfetto nella Sua Umanità. Ha reso la Sua Umanità una con la Sua Divinità senza mescolanza, commistione o confusione. La Sua Divinità non è stata separata dalla Sua Umanità neanche per un momento o per un batter d’occhio. Al contempo anatematizziamo la dottrina di Nestorio e di Eutiche”.

In questo momento di passaggio difficoltoso per l’Egitto, per tutta la sua popolazione e per le comunità cristiane che condividono difficoltà e prove di questo momento, ricordiamo Shenouda III con una bella preghiera di Matta el Meskin (Giuseppe il povero, 1919-2006), monaco della chiesa ortodossa copta e padre spirituale del monastero di san Macario in Egitto (in italiano la casa editrice Qiqajon ha pubblicato alcuni suoi scritti, tra cui Consigli per la preghiera)

“Padre santo,
tu che hai glorificato tuo Figlio Gesù 
e gli hai conferito potere su ogni carne, 
perché egli comunichi la vita eterna 
a tutti quelli che hanno creduto in lui quale Dio e Salvatore,
noi ti ringraziamo del dono elargito a noi uomini: 
di comprendere la profondità dell’unione consustanziale 
che è tra te e tuo Figlio e lo Spirito santo,
alla quale ci hai chiamati
attraverso la preghiera innalzata a te dal figlio tuo:
«Affinché siano tutti una cosa sola,
 come tu sei in me, o Padre, e io in te;
 affinché anche loro siano una cosa sola in noi,
 e così il mondo creda che tu mi hai mandato».

Noi veramente crediamo 
che questa unità cui ci hai coinvitati,
 è necessaria quale testimonianza 
del mistero della tua opera nella natura umana,
 incline alla decomposizione e alla disintegrazione 
a causa del peccato e dell’egoismo.
Questa unità è necessaria anche perché il mondo creda 
che non c’è altra speranza 
se non nella persona di Gesù Cristo, tuo prediletto,
che hai mandato per unire le realtà celesti con quelle terrestri. Noi confessiamo che la venuta di tuo figlio in noi
 provoca in noi un’attrazione insopprimibile verso l’unità: 
«Io in loro e tu in me, 
perché così siano perfettamente uno, 
e il mondo sappia che tu mi hai mandato 
e che li hai amati come tu hai amato me».
 Perciò tutte le nostre resistenze 
alla piena realizzazione dell’unità in te, 
quell’unità che tu hai voluto per noi, 
costituiscono una carenza di fede
 e una mancanza di carità da parte nostra. 
Queste deficienze ci fanno anteporre 
le controversie ideologiche, politiche, razziali 
alle esigenze dello Spirito, della fede e dell’amore 
e affievoliscono la voce di Cristo nei nostri cuori 
per accondiscendere al mondo e agli uomini.

Padre santo, 
glorifica il tuo figlio nella vita della chiesa, 
perché la chiesa glorifichi te e il figlio tuo 
quando tutti si saranno liberati 
da ogni impedimento contro l’unità e l’amore. 
Signore non lasciare che la comunità soccomba
 e tenti di eliminare un peccato con un altro peccato, 
di curare un male con un altro male;
 non permettere che l’unità sia cercata 
attraverso controversie ideologiche, 
e la carità sia confusa con la politica,
 e le coalizioni razziali vengano considerate 
una forza dello Spirito”.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: