la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

Buon anno

DSCF4743La conclusione di un anno è momento per riflettere sul tempo, sul nostro passaggio in una vita che a volte si manifesta per qualcuno passaggio repentino, per altri lungo cammino. Per tutti tempo di prove e di sofferenze, e tempo di gioia, di amore, di benevolenza. Nel nostro tempo si impastano ingiustizie ed errori ed insieme generosità e realizzazioni grandi. La fine di un anno è occasione per pensare alla fragilità del nostro esistere, come erba del campo…
Più che momento per soffocare nel rumore i pensieri profondi può essere occasione per restare in silenzio, per vivere lo spessore di un grazie di fronte alle ore e ai giorni di un tempo trascorso che si scopre come donato, e di fronte agli attimi che saranno ancora dono e che attendono di essere vissuti con consapevolezza e gratitudine, con impegno e dedizione, agli altri, alla bellezza, a tutto ciò che va oltre noi stessi, perché il tempo vissuto possa essere lasciato alle spalle come ricco di gesti di cura, come eredità di bene, di segni di pace e giustizia, come tempo speso per ciò che rimane. La fine di un anno può essere momento di affidamento alla misericordia di Dio e degli altri…

Suggerisco questa preghiera di Hans Küng, scritta nel momento in cui sta vivendo la malattia dopo tanti anni della sua lunga vita nel libro ‘Memorie’, presentato nell’ottobre scorso a Monaco e Tübingen:

«La nostra vita è breve, la nostra vita è lunga
e con grande meraviglia sto davanti ad una vita
che ha avuto le sue inattese svolte, e tuttavia la linearità di un percorso:
una vita di oltre 31.000 giorni, belli e oscuri,
cangiante, che mi ha portato molto in esperienze,
nel bene come nel male,
una vita, davanti alla quale io posso dire: è stato bene così.

Io ho incommensurabilmente ricevuto più di quanto ho potuto dare,
tutte le mie buone intuizioni e le mie buone idee,
le mie buone decisioni e azioni
mi sono donate, rese possibili dalla grazia.
E anche dove mi sono deciso erroneamente e ho agito male,
Tu mi hai guidato in modo invisibile.
Ti domando perdono per tutto, dove ho sbagliato.

Io ti ringrazio, imprendibile, onniabbracciante e tutto dominante,
principio originario, sostegno originario e senso originario del nostro essere,
che noi chiamiamo Dio,
Tu, il grande mistero indicibile della nostra vita,
Tu, l’infinito in ogni finitezza,
Tu, l’inesprimibile in ogni nostro discorso.

Io ti ringrazio per questa vita con tutte le sue oscurità e stranezze.
Io ti ringrazio per tutte le esperienze, quelle chiare e quelle oscure.
Io ti ringrazio per tutto ciò che è riuscito, e per tutto
ciò che alla fine hai volto in bene.
Io ti ringrazio che la mia vita ha potuto divenire una vita riuscita,
non per me solo, ma anche per coloro
che hanno potuto partecipare a questa vita.

Il piano secondo il quale scorre la nostra vita
con tutti i suoi erramenti e sconvolgimenti lo conosci Tu solo.
Non possiamo riconoscere fin da principio questa tua intenzione con noi.
Non possiamo vedere, come Mosè e i Profeti,
il tuo volto in questo mondo.
Ma come Mosè nella cavità della roccia
ha potuto vedere alle spalle il Dio che passava,
così anche noi retrospettivamente
possiamo riconoscere e sperimentare
la tua mano, o Signore, nella nostra vita;
riconoscere e sperimentare che Tu ci hai sostenuto e guidato
e che ciò che noi stessi abbiamo deciso e fatto
sempre di nuovo da te è stato ricondotto al bene.

Pongo il mio futuro, con abbandono e fiducia, nelle tue mani.
Potrebbe essere di molti anni o di poche settimane.
Mi rallegro di ogni nuovo giorno che ricevo come dono
e affido a te pieno di fiducia, senza preoccupazione e angoscia,
tutto ciò che mi attende.
Tu sei l’inizio dell’inizio, e il centro del centro
come anche la fine della fine, e il fine dei fini.
Ti ringrazio, mio Dio,
perché sei misericordioso
e la tua bontà dura per sempre.
Amen. Così sia»
(H.Küng, Memorie, pp. 702-703, trad.it. Forum teologico diretto da Rosino Gibellini, Editrice Queriniana, Brescia).

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: