la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

II domenica tempo ordinario – anno A – 2014

DSCF4447(Sculture in vetro di Bertil Vallien)
Is 49,1-6; Sal 39; 1Cor 1,1-3; Gv 1,29-34

Il brano di Giovanni si colloca all’inizio del IV vangelo nella successione di sette giorni che culminano nel segno di Cana (Gv 1,19-2,12), il sabato in cui l’acqua viene trasformata in vino, e in cui i discepoli ‘videro la sua gloria’: sono i sette giorni che ripropongono i tempi della creazione e l’incontro con il Battista è posto nel secondo giorno. A Cana festa di un matrimonio, il segno rinvia alla comunione tra Gesù e i suoi discepoli, la ‘gloria dell’amore’ e questo incontro viene preparandosi in tutti i passaggi precedenti.

Ci sono alcuni elementi nella narrazione dell’incontro tra il Battista e Gesù nel IV vangelo che meritano di essere sottolineati: il Battista è colui che indica Gesù. La sua funzione è quella di chi diminuisce per lasciar posto ed indicare un altro: “Lui deve crescere e io invece diminuire” (Gv 3,30). Nel IV vangelo è il Battista che vede i cieli aperti e discendere la colomba. E Giovanni si fa indicatore e testimone. La più bella descrizione di Giovanni è quindi quella di ‘amico dello sposo’ (Gv 3,29), amico che sa leggere e indicare Gesù e la sua identità come dono di relazione.

In questo brano Gesù è indicato con due titoli particolari. ‘agnello di Dio’ e ‘figlio di Dio’. Sono due indicazioni sulla sua identità che vanno colti all’interno dello sviluppo del IV vangelo. Sono due titoli posti all’inizio e alla fine di questa pagina: “Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: Ecco l’agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo” (Gv 1,29) e a conclusione: “E io ho visto e ho testimoniato che questi è il Figlio di Dio” (Gv 1,34).

Dietro al titolo ‘agnello di Dio’ sta il termine aramaico ‘talja’, un termine usato nei canti del servo di Jahwè (Is 53,4-6.12) per indicare appunto la figura del servo. ‘Talja’ è quindi l’eletto, il ‘servo’ e il Battista usando questo titolo individua in Gesù colui che compie il percorso del servo. E’ servo che risponde ad una chiamata di Dio che coinvolge totalmente la sua esistenza in senso profetico: è inviato a portare la salvezza non solo a Israele ma fino all’estremità della terra (Is 49,5). E’ servo che vive una attitudine di nonviolenza dinanzi all’ostilità ed alla persecuzione: “ha spogliato se stesso fino alla morte” (Is 53,12). Ed offre la sua vita prendendo su di sé il peccato delle moltitudini (Is 53,12). Nel termine ‘talja’ quindi viene evocata la figura del profeta servo, che nella tradizione di Israele era letta come figura collettiva di un piccolo resto che rimane fedele a Dio nonostante la prova e il rifiuto. Nel profeta-servo, nella sua mitezza, si manifesta la gloria di Dio (Is 49,3) e in lui sarà portata salvezza alle nazioni.

Ma il medesimo termine ‘talja’ era usato anche per indicare l’agnello. E a tal riguardo il IV vangelo pone un rapporto fondamentale tra la Gesù e la figura simbolica dell’agnello, l’animale del sacrificio, connesso alla celebrazione della Pasqua ebraica: il sangue dell’agnello nella notte della liberazione aveva salvato il popolo d’Israele dallo sterminio. E di qui la Pasqua come memoria di liberazione e ingresso in un cammino di alleanza con Dio. Proprio Giovanni, tracciando la cronologia dei giorni della passione indica che Gesù venne crocifisso proprio nel momento in cui, nel pomeriggio della vigilia della Pasqua, che in quell’anno – probabilmente il 30 d.C. – coincideva con il sabato, nel tempio venivano uccisi gli agnelli. Il segno dell’uccisione degli agnelli, che preludeva alla consumazione dell’agnello nella cena vissuta nel contesto familiare alla sera, viene così collegato dal IV vangelo a Gesù, alla sua vita e alla sua morte. Gesù è indicato come agnello che compie il significato racchiuso nell’agnello pasquale.

L’agnello della pasqua era connesso al passaggio dalla schiavitù alla libertà, elemento centrale della cena in cui si faceva memoria dell’intervento di Dio come liberazione e vicinanza ad Israele. La sua presenza è liberazione. Gesù è indicato dal Battista come ‘agnello che toglie il peccato del mondo’. La sua vita racchiude e comunica quella luce che le tenebre non possono trattenere e vincere: il suo cammino di servo apre ad un percorso di liberazione dal ‘peccato del mondo’ (Gv 1,29). Si parla qui di ‘peccato’ al singolare: è rinvio ad una forza che segna tutto il cosmo, una dimensione di male che trova espressione nelle scelte e nei comportamenti portatori di malvagità e cattiveria, ma che appare come una struttura profonda di male che in qualche modo attanaglia la vita umana e di tutto il cosmo e la assoggetta ad una logica di violenza e di sopraffazione. Il peccato può così essere indicato come la forza che disumanizza la vita umana. In Gesù agnello si compie una liberazione che capovolge questa logica, che si pone in contrasto radicale con la violenza ed apre a vivere l’esistenza in modo diverso. Toglie il peccato, la condizione di fallimento dell’umanità, e d’altra prende e si fa carico del peccato del mondo. Gesù come agnello mite ha assunto su di sé la condizione umana segnata dall’idolatria, e dall’odio (cfr. 1Gv 2,16; 3,14-15). La sua vicenda è presentata sin da ora come un cammino di solidarietà con l’umanità che soffre e vive il peso del peccato. Sin dal secondo giorno di questa nuova creazione il volto di Gesù è presentato con il profilo del servo e dell’agnello: la sua vita sarà nella mitezza e nella fedeltà alla nonviolenza e il suo eliminare il peccato è motivo di liberazione per tutti. In questo senso è Figlio: sta nella relazione con il Padre e manifesta il volto di Dio come amore che apre una nuova vita.

C’è un secondo elemento. Il Battista parla di Gesù come di uno sconosciuto. Compare una insistenza da parte di Giovanni nel dire ‘Io non lo conoscevo’: “Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare nell’acqua , perché egli fosse manifestato a Israele (…) io non lo conoscevo. Giovanni è inviato ad annunciare ai giudei che tra di loro c’è qualcuno che essi ‘non conoscevano’. C’è un cammino di conoscenza di Gesù che lungo tutto il IV vangelo deve essere compiuto. Se Gesù è lo sconosciuto, l’incontro con lui apre ad un cammino in cui il conoscere non è un dato scontato, ma è apertura di una vicenda di incontro. Conoscerlo diviene così uno stare con lui, un condividere la sua vita per rimanere. Accogliere questo conduce a lasciarsi interrogare e cambiare dai segni che egli pone, dalle sue parole. Per l’autore del IV vangelo questo è importante: il cammino di conoscenza non è solamente una questione intellettuale, ma implica un rapporto vivente che conduce ad un conoscere esistenziale e che coinvolge tutta la persona. Dal non conoscere il IV vangelo condurrà a vivere il percorso del ‘sapere’ in modo profondo e vitale perché si è accolto l’invito a rimanere nel rapporto con lui. L’intero cammino di fede per Giovanni è un cammino esistenziale e di relazione lasciandosi guidare dai segni fino all’unico grande segno che rivela la ‘gloria’, il dono fino alla fine sulla croce, rivelazione del volto di Dio amore.

Un terzo elemento è il confronto tra i due battesimi. Il Battista battezza in acqua, Gesù battezza in Spirito. “Io non lo conoscevo, ma proprio colui che mi ha inviato a battezzare nell’acqua mi disse: Colui sul quale vedrai discendere e rimanere lo Spirito, è lui che battezza nello Spirito santo” (Gv 1,33). C’è una epifania per Giovanni. Si apre così l’orizzonte di una immersione nello Spirito: è questo il nuovo battesimo portato da Gesù, la trasformazione nella potenza di Dio, la possibilità di essere invasi dallo Spirito per una vita che respira del soffio dello Spirito. Gesù porta un battesimo che è immersione nello Spirito, cioè nella forza creatrice di Dio.

Gesù viene così presentato con il volto dell’agnello. L’agnello era il segno del sacrificio nel giorno della Pasqua. La vita di Gesù non può esser rinchiusa secondo la logica sacrificale che implica un’idea di Dio da placare attraverso riti sacri. Gesù è agnello perché nel dono della sua vita nell’orizzonte della nonviolenza e dell’amore interrompe la logica sacrificale. La sua vita non è sacrificio secondo la logica dei sacrifici ma è dono di sé, in obebdienza al Padre come figlio e nella solidarietà con gli altri. E’ il figlio, in una relazione di affidamento totale a Dio che è Padre, Abbà nella sua vita. Ed è agnello che vince il male in se stesso e in tutti coloro che entrano nella conoscenza di lui, non opponendo violenza a violenza ma vivendo l’inermità dell’amore. Da questo dono di sé per il IV vangelo sgorga lo Spirito che è effuso, versato, nei cuori (Gv 19,30; cfr. Rom 5,5).

Alcune osservazioni per noi oggi.

Il Battista è il grande indicatore che intende la sua vita in relazione, non nella crescita indefinita ma nel diminuire. La sua esistenza è nella linea del legame dell’amicizia (Gv 3,29) dell’amico dello sposo. Tale sguardo che va oltre, che sa vedere e scorge la presenza dove lo Spirito si posa e rimane è lo sguardo lungo di un testimone che provoca anche noi ad intendere la vita non slegata e ripiegata in dimensioni di un individualismo cieco e indifferente alla presenza di altri, a chi viene dopo. La testimonianza del Battista indica una strada: anche noi dovremmo maturare questa attitudine nuova e diversa, uno sguardo capace di attenzione all’altro, di ascolto di chi viene dopo, le generazioni future a cui consegnare un mondo vivibile, e insieme ad esso un senso della vita scoperto nell’incontro. Una vita non solo nel perseguire una crescita indefinita, ma nel cogliere i limiti che provengono dall’attenzione dall’altro, nelle scelte economiche e in stili di vita che portano cambiamenti nel quotidiano. Solamente se si intende la vita nella capacità di diminuire perché qualcun altro cresca questa si apre ad una relazione e ad una amicizia che fa scorgere l’operare dello Spirito nella storia.

Siamo invitati a vivere il percorso nell’accogliere Gesù come lo sconosciuto, alla pazienza di entrare in una conoscenza che non è un dato da sapere o un’identità di cui possedere alcuni dati, ma che si connota piuttosto come ingresso e cammino in una storia di incontro, in una amicizia. Conoscere è esperienza vitale, è cammino di amore, è approfondimento per scorgere nel volto del servo il profilo dell’agnello. Nella sua debolezza e inermità è fonte di liberazione. Come vivere oggi la testimonianza del vangelo in uno stile di servizio e di nonviolenza?

Nella seconda lettura si parla della “chiesa di Dio che è in Corinto”. Questo cammino di immersione nello Spirito è cammino di comunità invase dallo Spirito e generate dall’ascolto della Parola. La chiesa di Dio sorge e si articola come comunione di chiese chiamate a sperimentare il dono della Pasqua, lo Spirito come fonte della propria vita e esprimerla in una comunione da ricercare sempre al proprio interno e con le altre chiese. Questo pensiero si fa più vivo nella settimana di preghiera per l’unità dei cristiani di quest’anno che ha come tema ‘Cristo non può essere diviso’. Pregare è luogo di scoperta del disegno di Dio e accoglienza della sua chiamata al superamento delle divisioni, non come strategia politica, ma come accoglienza del dono della comunione. Siamo invitati a scoprire la possibilità di vivere oggi una ‘chiesa di chiese’, dove l’unità non debba essere concepita come uniformità e nella logica del ritorno. Costruire una unità che non mortifichi le differenze è compito mai concluso e rende responsabili di realizzare la dinamica che sorregge la comunione, lo scambio nel dare e ricevere i doni diversi, la fatica della traduzione, la tessitura della comprensione. Ciò non si attua senza fatica di un cammino di diversi che sanno di camminare verso colui che sempre rimane ‘lo sconosciuto’ da incontrare più profondamente. Un cammino di ‘chiese provvisorie’ invitate a lasciarsi guidare dallo Spirito incontro a Cristo che sta sempre davanti a noi.

Alessandro Cortesi op

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: