la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

XIV domenica del tempo ordinario – anno B – 2021

miniatura inglese sec XIV – British Museum Londra

Ez 2,2-5; 2Cor 12,7-10; Mc 6,1-6

Nella pagina di Ezechiele è tratteggiato il profilo del profeta. “uno spirito entrò in me, mi fece alzare in piedi e io ascoltai colui che mi parlava”. La vita del profeta è spinta dalla presenza dello spirito del Signore che lo rende uomo dell’ascolto e della testimonianza. Il profeta è quindi in primo luogo l’uomo della Parola, chiamato a stare in ascolto e a ridire con la sua vita la parola ascoltata davanti (pro-) agli altri.

La vicenda del profeta è poi segnata da un invio: «Figlio dell’uomo, io ti mando ai figli d’Israele”. Se la forza di Dio è irresistibile, la missione tuttavia è segnata da difficoltà e ostacoli, soprattutto il rifiuto e l’ostilità che il profeta incontra nel suo annuncio. Il profeta infatti reca una parola esigente di orientamento nella fede a Dio e si scontra con tute le forme di riduzione della fede ad una costruzione umana e religiosa preoccupata del potere e dei privilegi, generatrice di ingiustizia, insensibile al cambiamento. Ezechiele si scontra così con il cuore indurito: in questa espressione è indicato l’atteggiamento della chiusura e del rifiuto a mettersi in discussione, la pretesa di autosufficienza che rimane chiusa in una vita autocentrata. Nella storia d’Israele emerge questo dato evidente, la tensione che si crea tra i profeti e le istituzioni, regale e sacerdotale, nelle differenti forme di potere costituito. Alla vicenda dei profeti si contrappone l’atteggiamento che viene descritto come incredulità e  durezza di cuore.

Gesù si presentò ai suoi contemporanei come profeta. nell’incontro con lui sorge una domanda: “si chiedevano a vicenda: ‘che è mai questo? Una dottrina nuova insegnata con autorità?’ (Mc 1,27) e più ancora sorge la sorpresa perché questa autorevolezza e libertà sia di uno del paese di Nazaret: “Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?». Ed era per loro motivo di scandalo” (Mc 6,3). Gesù è partecipe pienamente della vita e delle relazioni che fanno la vita umana: i suoi genitori sono parte di quel mondo di Nazaret che l’ha visto crescere, lavorare condividere la vita con gli altri. I suoi fratelli e le sorelle sono la sua famiglia. Gesù è inserito nel tessuto di relazioni come ogni famiglia umana. 

Gesù incontra il rifiuto ad accogliere nelle sue parole e nei suoi gesti l’invito a cambiare vita ad orientarsi al Dio delle promesse; si scontra con il cuore indurito, l’incredulità di fondo, la non disponibilità a cambiare, e condivide così l’esperienza dolorosa dei profeti rifiutati perché il loro parlare mette in crisi:  “disse loro: «Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua». E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità”. (Mc 6,5-6)

Al termine di una sezione del suo vangelo in cui Gesù è stato presentato nel suo insegnare e nel compiere segni di liberazione (Mc 3,7-6,6), Marco indica l’approfondirsi di un rifiuto che coinvolge anche i compaesani di Gesù e si allarga progressivamente. E’ un rifiuto generato dall’incredulità, dalla chiusura del cuore. E’ preferire la religiosità del miracolo e dell’interesse all’affidamento nel cambiare vita nel senso della fraternità e del servizio. 

Ma Gesù non si lascia vincere da questa chiusura. Marco osserva che “Gesù percorreva i villaggi d’intorno, insegnando”. E’ venuto per andare oltre, oltre le frontiere che dividono le persone tra giusti e ingiusti, oltre i confini dell’esclusione, oltre anche le barriere del rifiuto. Gesù percorreva i villaggi, il suo camminare passa attraverso i percorsi della vita ordinaria sempre al di là di ogni chiusura.

Alessandro Cortesi op 

Rev. Pastora Sonia Hicks neopresidente Chiesa metodista inglese

Ignavia, disumanità e profezia

Ci sono notizie che colpiscono per il livello di inciviltà che rivelano e per la superficialità con cui vengono accolte nella confusione della comunicazione mediatica senza suscitare quella sana indignazione che dovrebbe sorgere in chi ha un minimo senso di coerenza e considera i diritti fondamentali di ogni persona.

E’ notizia degli ultimi giorni che a fronte della scelta di alcune squadre del campionato europeo di compiere prima della partita il gesto di inginocchiarsi riconoscendo l’urgenza di offrire un chiaro messaggio contro il razzismo che sta dilagando e a sostegno della campagna  ‘black lives matter’ (le vite dei neri contano), la squadra dell’Italia prima ha manifestato un comportamento di indifferenza – i giocatori infatti non si sono inginocchiati prima della partita con l’Austria – e successivamente è stato emesso un comunicato della Federazione Italiana Gioco Calcio che di fatto non prende posizione sul tema. I calciatori si inginocchieranno prima della prossima partita dei quarti contro il Belgio, non per adesione alla campagna ma per solidarietà con gli avversari (sic!).

Dante nella Divina Commedia ha posto gli ignavi nella zona antistante l’inferno parlandone nel canto III dell’Inferno: sono coloro che nella vita non hanno mai scelto tra bene e male. E forse più grave è l’ignavia di chi non sceglie ma si adegua al vento dominante per essere sempre sul carro del vincitore, oppure lo fa per dissimulare l’indicibile.

E’ piccola notizia, di cronaca minuta, ma che può essere rivelatrice della deriva di un Paese in cui ben altri movimenti più profondi sono in atto e sono perpetrate palesi violazioni di diritti umani fondamentali: sono i respingimenti illegali e a catena ai confini della Slovenia, il sostegno economico e organizzativo alla cosiddetta Guardia costiera libica che compie respingimenti illegali inseguendo e riportando nei centri di detenzione libici luoghi di tortura i migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo. E ancora il nostro Paese è luogo di atroci violazioni della carta costituzionale nella pratica di violenza inaudita in carcere come i video sulle torture esercitate sui detenuti del carcere di s.Maria Capua Vetere  il 6 aprile dell’anno scorso hanno mostrato.

Sono segnali inquietanti di derive in atto e di cui emergono alla conoscenza pubblica talvolta solo le punte dell’iceberg, che non si limitano a comportamenti da derubricare come bagatelle o azioni di mele marce, ma coinvolgono i più alti livelli delle responsabilità politiche, del passato e del presente.

A fronte di queste notizie che fanno percepire il continuo riemergere di atteggiamenti fascisti e razzisti una notizia marginale apre al respiro. La chiesa metodista inglese ha eletto in questi giorni la sua prima presidente donna nera: è la pastora Sonia Hicks, metodista da generazioni, il cui bisnonno è stato un predicatore metodista in Giamaica.

Nel suo discorso di insediamento davanti alla Conferenza metodista ha ricordato la sua vicenda personale e quella della sua famiglia segnata dalla sofferenza per aver subito discriminazioni di tipo razzista quando giunsero dalla Giamaica in Gran Bretagna: la sua prozia Lize fu allontanata da una locale chiesa metodista perché nera, benché avesse con sé il documento di appartenenza alla comunità stessa. La pastora Hicks ha detto: «In un mondo in cui le persone sono escluse a causa della loro origine etnica, del loro orientamento sessuale, del loro genere o semplicemente perché, come me, sono cresciute in case popolari, credo che siamo chiamati a mostrare l’amore di Dio per tutte le persone” E ancora: «È una chiamata con cui i cristiani hanno sempre lottato, ma possiamo e dobbiamo in maniera più efficace rendere l’amore di Dio una realtà nella Chiesa metodista britannica, superando la discriminazione sistemica che esiste (…) Come cristiani – ha continuato – dobbiamo rispecchiare la grazia e la misericordia di Dio. Dobbiamo trovare modi per rivolgere l’invito di Dio all’accoglienza a coloro che incontriamo quotidianamente. Senza se e senza ma. Credo che ci sia un posto per tutti alla presenza di Dio, alla mensa di Dio. E, poiché riconosciamo che tutti hanno un posto, dobbiamo anche riconoscere che vivremo la tensione di non pensare tutti allo stesso modo, e che vivere con una tale tensione non è mai un’opzione facile». (Notizia tratta da https://riforma.it).

In questi segni, piccoli e deboli, è da scorgere oggi l’annuncio di una profezia che si concretizza nelle esistenze di persone che sanno prendere posizione e denunciare ogni deriva disumanizzante e nel contempo offrire il loro impegno per un cambiamento da attuare nella società e nelle chiese.

Alessandro Cortesi op

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: