la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

XVI domenica tempo ordinario – anno B – 2021

Ger 23,1-6; Ef 2,13-18; Mc 6,30-34

“Venite in disparte, in un luogo solitario, e riposatevi un po’”. E’ l’invito di Gesù agli apostoli “che si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato”.

L’esito di tutto questo ‘fare e insegnare’, sembra dire Marco, e con esso il senso di tutta l’attività degli apostoli, sta nel riposo, a cui Gesù li invita, in disparte.

Sta qui racchiuso un importante elemento del seguire Gesù e dello stare con lui. Gesù, nei momenti in cui veniva cercato e quando le folle lo circondavano, si ritirava tutto solo, in un luogo solitario (cfr. Mc 1,35; 6,46). In questi momenti Gesù viene ritratto da Marco nella sua preghiera, che è innanzitutto distanza dalla visibilità, allontanamento da modi sbagliati di cercarlo, generate da attese di gesti eccezionali, dalla ricerca di un capo da  esaltare. Gesù vivve invece silenzio e nella intimità lasciando spazio alla relazione che è radice della sua vita, l’incontro con l’‘Abbà’.

In questi passaggi di distanza e ascolto Gesù chiama anche i suoi accanto a sé, a condividere la sua scelta di chi non è venuto per farsi servire, ma per servire e quindi scendere, farsi piccolo. Li chiama non all’azione ma al riposo, in  disparte. Non si tratta solamente di un invito al riposo dopo la fatica, ma più profondamente l’aprire loro lo sguardo su ciò che costituisce la radice e la sorgente di ogni loro fare e insegnare, quella relazione viva personale ed intima con il Padre.

In questo si può cogliere il senso profondo della preghiera che Gesù desidera trasmettere ai suoi: la sua preghiera è un tempo di incontro, fatto non di parole, di rituali, di particolari attività, ma un tempo donato, segnato dal riposarsi, dall’attitudine a ricevere, dalla gratuità che sorge dal riconoscimento che ogni cosa viene dal Padre e dalla consapevolezza che l’unica cosa richiesta è l’abbandono fiducioso a lui. Il ‘luogo solitario’ evoca il deserto, luogo biblico della prova, ma anche luogo in cui, senza orpelli e difese, si può vivere l’incontro con Dio nell’amore. E’ lo spazio del fidanzamento tra Dio e il suo popolo e di cambiamento nell’accogliere il dono di un rapporto con lui non più da servi, ma da amici con il Dio dell’amore.

In questo brano compare anche un’espressione assi significativa: “(Gesù) vide molta folla e si commosse per loro, perché erano come pecore senza pastore, e si mise ad insegnare molte cose”. Lo stringersi delle viscere è sentimento propriamente femminile nel ‘sentire’ dentro di sé sofferenze e angustie dei figli. La compassione di Gesù nei confronti delle folle reca i tratti del coinvolgimento profondo. Non è sguardo paternalistico di assistenza. Gesù è coinvolto nella condizione di coloro in cui egli si identifica. E’ espressione che nella Bibbia è riferita alle ‘viscere di misericordia’ del Padre: “Non è forse Efraim un figlio caro per me, un mio fanciullo prediletto? Infatti, dopo averlo minacciato me ne ricordo sempre più vivamente. Per questo le mie viscere si commuovono per lui, provo per lui profonda tenerezza” (Ger 31,20)

E’ questa l’attitudine del pastore che accompagna , si fa solidale perché conosce le sue pecore e condivide con loro l’esistenza e si prende cura di ognuna di esse: è Dio che “come un pastore egli fa pascolare il gregge e con il suo braccio lo raduna, porta gli agnellini sul petto e conduce pian piano le pecore madri” (Is 4,11; cfr Dt 32,11). L’autentico pastore di un gregge disperso e senza guida è Jahwè. Gesù guarda alle folle che lo cercano come gregge disperso e in attesa di guida e cura.  Nel suo sguardo si rende presente quanto la prima comunità  ha colto dello stile di Gesù. Nella sua vita attua quanto era stato promesso: “Il Signore, il Dio della vita in ogni essere vivente, metta a capo di questa comunità un uomo che li preceda nell’uscire e nel tornare, perché la comunità del Signore non sia un gregge senza pastore” (cfr. Num 27,16-17). Il suo andare e insegnare è per un grande raduno di affaticati e  oppressi perché trovino in lui la serenità del riposo. Nell’incontro con lui si incontra la cura e tenerezza del Dio della compassione.

Alessandro Cortesi op

Compassione e tre situazioni del presente

Tre notizie di oggi possono essere motivo di riflessione per ascoltare il vangelo come lampada ai nostri passi in questo tempo.

A vent’anni di distanza dai terribili fatti di Genova del luglio 2001, momento di sospensione della democrazia e di azioni di tortura e di violenza sistematica e indiscriminata, abbiamo visto scorrere davanti ai nostri occhi gesti orrendi di disumanità nelle carceri italiane nelle registrazioni filmate di violenze e torture procurate contro carcerati da interi reparti di polizia muniti di casco e manganelli a santa Maria Capua Vetere. In tante altre carceri si sono attuate situazioni analoghe attestate da testimonianze dirette, in particolare nel tempo della pandemia. Ma questa volta le immagini hanno reso evidente quanto avrebbe dovuto risultare manifesto anche prima ed era stato tenuto nascosto anche con tentativi di oscurare prove e depistare le indagini intraprese.

Sono violazioni sconcertanti della carta costituzionale, sono episodi che dovrebbero suscitare non tanto un moto di odio e rivalsa generalizzata nei confronti della polizia penitenziaria, ma una profonda indignazione per le responsabilità dei vertici – a tutti i livelli politici e di comando -che hanno promosso e consentito tale situazione generalizzata di violazione di diritti umani e di violenza pari a quella dei regimi dittatoriali. Un profondo sconcerto deriva anche dal pensare che nessuno di coloro che hanno perpetrato tali azioni di violenza su persone che dovevano difendere abbiano pensato di rifiutarsi ad ordini anticostituzionali e disumani. A fronte di questo indegno spettacolo appare urgente riscoprire che la pena e il carcere non debbono essere intesi quale ambito di castigo e repressione, di violenza e vendetta, ma luoghi della possibile maturazione del consapevolezza  degli atti ingiusti compiuti, occasione di riabilitazione e di apertura anche alla speranza. La distanza e la non conoscenza delle situazioni genera indifferenza, durezza, insensibilità, cioè il contrario della compassione che è attitudine radicata profondamente nel cuore e richiede di essere coltivata e curata. C’è un grande lavoro da compiere nella maturazione culturale, negli ambiti educativi, nella realizzazione di politiche concrete per evitare che la deriva giustizialista che ha preso piede in Italia abbia ancora sviluppo.

Una seconda notizia proviene dalla prossima votazione in aula del Parlamento del finanziamento da parte dell’Italia alla Libia perché gestisca il controllo delle migrazioni. La questione è posta nei termini di rifinanziamento degli accordi di cooperazione ma di fatto questi accordi sono un modo per esternalizzare il compito di mantenere con tutti i mezzi i migranti al di fuori dei confini europei. Ormai innumerevoli sono le denunce sulle condizioni disumane in cui sono costretti i migranti nei centri di detenzione in Libia, fatti oggetto di orribili crimini. Altrettante sono le denunce sui respingimenti illegali e sulle violazioni ai trattati internazionali ed alla convenzione di Ginevra da parte della cosiddetta guardia costiera libica che è composta di milizie violente e senza regole a cui è stata data copertura istituzionale. Nel giorni scorsi è stato sconcertante vedere le immagini di una motovedetta libica giunta a sparare contro una barca di migranti e ad inseguirla al fine di farla naufragare. Ricorrono anche le notizie verificate di omissioni di soccorso in mare.

Si avverte anche a tal riguardo l’urgenza di un soprassalto di umanità nel riconoscere la dignità inviolabile di migranti che cercano un futuro fuggendo situazioni di miseria, di guerra, di crisi climatiche. E ciò implicherebbe una chiara scelta di rifiuto del finanziamento alla Libia, senza tentennamenti e proposte svianti tese ad evitare una assunzione di responsabilità nella direzione di politiche nuove e diverse miranti non al respingimento ma all’accoglienza e integrazione dei migranti. Provare compassione non è un sentimento di anime belle ma è base della possibilità di vivere insieme riconoscendo l’esistenza dell’altro. Si avverte l’urgenza di politiche di migrazione lungimiranti, che prevedano possibilità di ingressi regolari, programmazione nell’ambito del lavoro in cui vi sarebbe tanta necessità di manodopera e di diverse presenze che certamente esigono anche una equa retribuzione. Al momento attuale risulta innanzitutto fondamentale porre una fine alla orrenda pagina di storia che segna questi decenni in cui nel Mediterraneo è stata compiuta e continua ad essere in atto una strage di uomini donne e bambini, lasciati annegare nell’indifferenza e nella complicità con i torturatori e i trafficanti di essere umani. E sarebbero da ricordare le parole di papa Francesco pronunciate nel suo viaggio di ritorno dal recente viaggio in Irak (11 marzo 2021): “La migrazione è un diritto doppio: diritto a non migrare, diritto a migrare. Questa gente non ha nessuno dei due, perché non possono non migrare, non sanno come farlo. E non possono migrare perché il mondo ancora non ha preso coscienza che la migrazione è un diritto umano”.

Una terza notizia riguarda la questione della discussione al Senato del ddl Zan che prevede  misure di prevenzione e contrasto della discriminazione e della violenza per motivi fondati sul sesso, sul genere, sull’orientamento sessuale, sull’identità di genere e sulla disabilità. Certamente ogni legge potrebbe esigere miglioramenti ma è da scorgere come questa iniziativa sorga dal fatto che in Italia si è registrata negli ultimi anni una preoccupante crescita di episodi di violenza indirizzata contro persone LGBTI e disabili.  E’ questo un segnale della deriva di barbarie in atto nel cuore della vita quotidiana e che causa sofferenze e drammi nella vita di tante persone. A tutto questo è importante e urgente reagire con una azione educativa e formativa innanzitutto.

C’è chi ha sollevato la questione sull’identità di genere ritenendola portatrice di una sorta di ideologia che si imporrebbe per autorità statale. Tale nozione peraltro è presente nei trattati europei da tempo ed è anche nozione utilizzata sin dal 1998 in una norma nazionale come lo «Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria» (Dpr 249/1998) che richiama all’ “educazione alla consapevolezza e alla valorizzazione dell’identità di genere” insieme alla maturazione da parte degli studenti del “senso di responsabilità e della loro autonomia individuale”.

Ma al di là di considerazioni che potrebbero aprire approfondimenti su tanti aspetti specifici dei temi in gioco appare sconcertante scorgere come questo decreto, già approvato alla Camera, divenga occasione di basse strategie di affermazione e luogo di contrattazione tra forze politiche alla ricerca di consenso, strumentalizzando un passaggio di discussione parlamentare e conducendo così a trascurare l’attenzione ai diritti, all’esistenza, al terribile carico di sofferenze che segnano la vita delle persone. Una approvazione di questo decreto costituirebbe una chiara affermazione di difesa di diritti e una occasione per contrastare l’atmosfera di intolleranza, di violenza e di rifiuto dell’altro che ammorba l’atmosfera del nostro Paese in questo triste momento storico. Anche a questo proposito compatire significa non attitudine paternalistica ma riconoscimento di dignità e agire concreto per la giustizia.   

Alessandro Cortesi op 

Navigazione ad articolo singolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: