la parola cresceva

commenti alla Parola della domenica e riflessioni

Archivio per il tag “immersione”

Battesimo del Signore – anno A – 2017

12_St. Albans Psalter_Baptism, The Artwork: Baptism, The Artist: UNKNOWN; Illustrator of 'St. Albans Psalter', England, first half of 12th century Date: First half of the 12th century Technique: Miniature Location: University of Aberdeen, Historic Collections Notes: From the

St. Albans Psalter Baptism University of Aberdeen

Is 42,1-4.6-7; Sal 28; At 10,34-38; Mt 3,13-17

I racconti del battesimo di Gesù da parte dei sinottici possono essere letti scorgendo diversi elementi e accenti. Marco narra il momento dell’immersione e dice che ‘Gesù vide i cieli squarciarsi’: non si tratta di qualcosa che accade in cielo, ma è indicazione che esprime l’identità di Gesù: in lui qualcosa di nuovo si apre nel rapporto tra Dio e l’umanità. Nei profeti i cieli chiusi dicono il silenzio di Dio (Is 51,9-10): ora si aprono e lo Spirito scende su Gesù come colomba (Mc 1,10). Nell’Esodo si narra che quando Mosè risalì dal mare ricevette lo Spirito. Ora Gesù sale dalle acque: si pone nel cammino dell’esodo e si compie una liberazione nuova. Nella sua vita c’è il farsi vicino di Dio, il Dio che scese a liberare il suo popolo nella schiavitù. Gesù guida il cammino di tutto un popolo in rapporto all’alleanza con Dio. Lo Spirito scende e lo spinge ad una missione. L’intero racconto di Marco è teso ad indicare questa missione: è il Figlio diletto nel quale Dio si compiace, è il ‘servo’ amato (Is 42,1), è il Figlio (con riferimento al salmo 2,7). Gesù – ci dice questo testo – attua la missione del servo che Isaia aveva indicato. La voce che proviene dal cielo (richiama a Is 44,2 e 62,4) manifesta la sua identità e missione: è epifania della sua vita.

Il racconto di Matteo riprende Marco e vi aggiunge e modifica qualcosa: sottolinea la scelta libera di Gesù di recarsi da Giovanni per farsi battezzare. Non racconta l’immersione di Gesù ma inserisce un breve dialogo tra lui e il Battista. Nello scambio di parole emerge il significato del gesto. Gesù non si fa battezzare per la remissione dei peccati ma ‘per realizzare ogni giustizia’. Per Matteo la ‘giustizia’ è prima di tutto un dono di Dio, e si attua nell’accogliere la sua fedeltà e vicinanza. Gesù compie un gesto coerente con la legge giudaica: adempie la legge ma nello stesso tempo la supera perché manifesta una fedeltà (giustizia) nuova che non dipende più dalla legge. Con il suo battesimo apre ad una nuova giustizia quale dono di Dio. In lui, il servo, tutti avranno possibilità di perdono e di speranza nuova non per una giustizia derivante dalla legge, ma per la misericordia di Dio, la sua fedeltà, quale dono che da Lui solo viene. E’ il messaggio del discorso del monte: “Se la vostra giustizia non sarà più sovrabbondante di quella degli scribi e farisei, non entrerete nel regno dei cieli…”

Luca sottolinea a sua volta altri aspetti: inserisce il battesimo di Gesù in un contesto di preghiera e lo situa nel quadro della storia della salvezza. Vede infatti in Gesù che si immerge il nuovo Adamo, inizio di una nuova umanità e compimento della creazione: il significato del suo discendere sta in rapporto al popolo di Dio che da lui ha inizio, aperto a raccogliere tutta l’umanità. Nella pagina successiva Luca pone la genealogia di Gesù: una lunga lista di nomi che giungono sino ad Adamo. Gesù è visto poi da Luca come messia che inizia la comunità degli ultimi tempi. L’annotazione singolare che il Battista è in prigione quando Gesù si fa battezzare apre una domanda su chi attua il battesimo e questo fa risaltare il ruolo dello Spirito. L’intero cammino di Gesù stesso sarà sotto l’impulso dello Spirito. Il battesimo di Gesù è presentato poi da Luca – autore anche degli Atti degli apostoli – in parallelo al racconto la pentecoste (At 1): anche i discepoli, come Gesù, erano in preghiera quando lo Spirito discese su di loro e sono inviati nella forza dello Spirito della Pasqua. Nel vangelo un detto di Gesù (Lc 12,49-50) può essere una chiave di lettura: “devo ricevere un battesimo ma sono nell’angoscia finché non sia consumato”. Il dono dello Spirito al Giordano si attua pienamente nella morte e risurrezione di Cristo: lì avviene fino in fondo la discesa/immersione di Gesù. La Pasqua di Gesù è il suo discendere e servire fino alla consegna di sé come colui che serve. Luca vede il battesimo in rapporto alla vita di una comunità chiamata ad entrare in rapporto con Gesù e a seguirlo nel quotidiano.

Gesù si sottomette ad un gesto di penitenza e di cambiamento. E’ il primo passo della missione di Gesù come messia. Il battesimo è letto allora come momento di manifestazione (epifania) dell’identità di Gesù che si manifesta nella croce e nella risurrezione: Gesù è l’inviato, l’amato del Padre di misericordia che vuole che tutti trovino liberazione e salvezza. La sua è la via del messia che si fa servo e solidale con l’umanità. Da qui un messaggio per noi: siamo condotti ad incontrare Dio seguendo la sua vita e il suo agire nel servizio e nella solidarietà.

Alessandro Cortesi op

img_1842(Firenze Palazzo Strozzi – Installazione Ai Weiwei – settembre 2016)

Sotto le acque

Fatima Jawara era una giovane atleta, giocatrice di calcio, nel suo paese il Gambia, un territorio piccolissimo inserito nel cuore del Senegal, con meno di due milioni di abitanti. Non era una campionessa, Fatima, ma era stata scelta per giocare in porta nella squadra nazionale del suo Paese. Il calcio era la sua passione e sognava una vita diversa lontana dalla sua terra. Abbandonare la terra delle proprie origini, delle proprie radici, dei propri legami, non è cosa facile per nessun uomo e donna: lo sanno bene i migranti di tutti i tempi e di ogni latitudine. Solo qualcosa che non è più sopportabile spinge ad andare via, a cercare altrove ciò che dà respiro alla vita. In Gambia un dittatore, Yahya Jammeh, che ha mantenuto il potere per 22 anni sino ad ora, ha reso questo paese uno dei luoghi dove vi sono violazioni sistematiche di diritti: nelle carceri si praticano tortura e sevizie, attivisti sono uccisi e fatti sparire. Un terzo della popolazione vive sotto la soglia della povertà. Recentemente Jammeh ha fatto adottare l’arabo come lingua ufficiale e ha imposto alle impiegate degli uffici pubblici di indossare il velo imponendo così norme coraniche a livello pubblico, caso unico in Africa insieme alla Mauritania, per attirare nel paese i ricchi investimenti di Arabia saudita e dei paesi del Golfo. Naturalmente la corruzione nel paese è diffusa senza limiti ad ogni livello. Dopo aver perso le elezioni all’inizio di dicembre 2016 aveva promesso di lasciare la presidenza ma successivamente ha ritirato la sua parola. Fatima era partita dal Gambia, come tantissimi altri giovani come lei, ma non è giunta in Europa. Il barcone su cui era stata imbarcata a Misurata si è rovesciato e come lei sono stati contati 97 tra morti e dispersi. Fatima come Samia Yusuf Omar, atleta somala nata nel 1991 che nel 2008 era giunta in finale ai giochi olimpici di Pechino nei 200 metri. Aveva gareggiato fino alla fine, esile con la sua bandana bianca a tenerle i capelli, ricordo drammatico del suo paese e della sua famiglia. Era arrivata ultima ma era arrivata fino in fondo, lei che correva a piedi scalzi sulla terra battuta del suo paese, mentre tra disordini e violenze prendevano piede i gruppi fondamentalisti, i miliziani di Al-Shabab. E coltivava il sogno di poter allenarsi e far germogliare il suo talento per giungere alle olimpiadi di Londra del 2012. Il suo mito era il fondista somalo Mo Farah, che aveva ottenuto la cittadinanza britannica, campione dei 5000 e dei 10.000 metri piani. Ma il suo sogno è stato inghiottito dalle acque del mar Mediterraneo, davanti a Lampedusa. La sua storia è divenuta nota per il libro di Giuseppe Catozzella (Non dirmi che hai paura, Feltrinelli).

Anche lei come Fatima, immerse nel Mediterraneo: una folla di donne uomini e bambini. Assistiamo ad una continua immersione di vite che non tornano più: sono vite che rimangono domande aperte sulle contraddizioni di un’Europa incapace di scelte politiche di fronte all’iniquità del nostro tempo e in risposta alla ricerca di pane e dignità di popoli interi.

Per chi crede in Gesù Cristo sono vite, in particolare di donne e bambini, che ci chiedono il senso di questo segno, il battesimo, gesto di colui che è disceso nelle acque ed è sceso fino a condividere la sorte di chi muore disprezzato e dimenticato.

Immersi nelle acque… una domanda su cosa significhi oggi vivere il battesimo… un rito religioso o un’immersione di vita?

Alessandro Cortesi op

img_1711

Annunci

XX domenica del tempo ordinario – anno C – 2013

DSCF4033Ger 38,4-10; Eb 12,1-4; Lc 12,49-57

In questa pagina di Luca segnata dalla questione della decisione e dell’attenzione che Gesù chiede a coloro che lo ascoltano c’è una prima parola di Gesù che presenta due immagini: il fuoco e l’immersione nell’acqua. Fuoco e battesimo: “Sono venuto a portare il fuoco sulla terra e come vorrei che fosse già acceso… Ho un battesimo nel quale sarò battezzato”. L’immagine del fuoco facilmente si associa ad una potenza che scende improvvisa, come fulmine, che porta incendio e distruzione. Anche nel linguaggio del tempo di Gesù, benché non vi fossero ancora le armi da fuoco – terribile concretizzazione della potenza distruttiva a cui può essere piegato l’uso del fuoco – il fuoco era metafora usata per indicare una potenza di distruzione. Sono i due fratelli, Giacomo e Giovanni, discepoli irruenti e detti per questo ‘figli del tuono’, che di fronte ad un rifiuto della predicazione da parte di un villaggio di Samaria avevano detto a Gesù: “Signore vuoi che diciamo che scenda un fuoco dal cielo e li consumi?” (Lc 9,54). Ma in quell’occasione Gesù li rimproverò. La sua è reazione di distacco da tutto ciò che è un fuoco distruttore. La sua scelta radicale per la nonviolenza, che costituisce uno dei suoi tratti umani, è indicazione che fa pensare come il suo parlare con l’immagine del fuoco debba essere interpretato in altra direzione. Il fuoco che Gesù desidera essere già acceso non è qualcosa che distrugge e consuma, ma una forza che cambia dentro. E’ capacità di passione che spinge ad intendere la vita tutta presa nella causa del regno di Dio. Così l’immagine del fuoco racchiude la sua speranza – ardente come il desiderio – che l’annuncio del regno provochi una reazione di coinvolgimento appassionato. La sua vita sta nell’orizzonte di una immersione, un battesimo a cui egli stesso è teso come compimento di tutto il suo agire. Il battista aveva presentato uno ‘che viene dopo di me’ come colui che “battezzerà in Spirito santo e fuoco’ (Lc 3,16). Immergersi per Gesù ha significato intendere tuta la sua vita nell’orizzonte dell’essere per gli altri, nella condivisione e nella solidarietà con coloro che non hanno chi li difende. Questa immersione Gesù l’ha vissuta fino in fondo nel suo affrontare il morire in fedeltà al suo annuncio. Gesù desidera che questa passione bruci anche in coloro che ascoltano, un fuoco che non faccia rimanere indifferenti, ma coinvolti, capaci di passione di amore.

C’è una seconda parola di difficile interpretazione in questa pagina di Luca. Ancora può sembrare che Gesù sia portatore di discordia e di guerra: “Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, vi dico ma divisione”. Ancora questa affermazione è da leggere nel quadro della tensione di tutta la vita di Gesù per il regno. La sua chiamata, l’appello ad entrare nella logica del regno non può lasciare le cose come stanno, ma chiede una decisione, una capacità di scegliere e di schierarsi. Gesù manifesta le difficoltà e la divisione che sono conseguenza di un prendere parte nella vita e nell’impostare la vita nella linea dell’immersione – il battesimo – che è stata la via della condivisione da lui seguita. La scelta per il regno genera un modo diverso di rapporti, apre ad uscire da legami sociali, anche quelli familiari, per scoprire una nuova famiglia in cui i confini sono abbattuti e l’orizzonte di relazione si allarga.

E infine una provocazione: “Quando vedete una nuvola salire da ponente subito dite ‘arriva la pioggia’…come mai questo tempo non sapete valutarlo?”. E’ una provocazione che sorge dalla constatazione dell’abilità nel prevedere il tempo atmosferico. Gesù ammira chi sa cogliere i segni atmosferici, le nuvole, il vento caldo che divengono indicazioni importanti per le attività da svolgere. Il suo sguardo di fronte a queste capacità è colmo di stupore. E pensa all’importanza di saper leggere il tempo come luogo in cui Dio sta facendo irruzione. Se vi fosse nei cuori questa capacità e questa sensibilità a cogliere i segni della presenza di un Dio vicino che si fa carico dei più dimenticati tutto potrebbe cambiare. Il regno è presente come seme, è già in atto pur nella sua piccolezza, e richiede una disponibilità e un’attenzione nel leggere i segni dei tempi. Chiede anche di saper coglierne le chiamate di Dio nel tempo che, nonostante le sue contraddizioni, è tempo di salvezza, tempo di incontro con Dio e di scoperta del senso più profondo della vita.

Queste tre parole di Gesù possono essere invito oggi a tre attitudini fondamentali spesso dimenticate: indicherei la prima come capacità di immersione. Chi si lascia coinvolgere non può rimanere spettatore distaccato e lontano. Alla stagione delle grandi passioni nutrite dalle speranze per cambiamenti del mondo e della storia è seguito il tempo del disincanto, dell’indifferenza, dell’assuefazione ad un dominio pervasivo che appiattisce la vita alle dimensioni del benessere materiale, non spinge all’oltre e non fa guardare agli altri. Oggi percepiamo come un certo atteggiamento distaccato e cinico di fronte alle cose, all’impegno, al coinvolgimento sia un carattere del nostro tempo. Forse per tante delusioni, forse per una certa comodità che avvolge, offusca e rende insensibili alle esigenze di un impegno con e per i poveri. L’indifferenza coltivata stancamente conduce a non impegnarsi per nulla, a non giocare energie, competenze, tempo e disponibilità. Non fa rischiare qualcosa della propria vita in un impegno e in una dedizione che cambia il modo di pensare e di agire. La parola di Gesù spinge a lasciarsi prendere da un fuoco che cambi, a vivere il rischio e la bellezza di immergersi nella vita, di lasciarsi coinvolgere nel lasciare spazio al regno di Dio che è sfida di cambiamento anche per la vita sociale e politica.

La seconda parola è invito alla capacità di scelta e di schierarsi. Troppo spesso la posizione dei credenti è stata orientata come una posizione di moderatismo. Il moderato in tal senso è figura di qualcuno che non si schiera con chiarezza, cerca il compromesso, riduce i conflitti in una confusione di orientamenti. Diversa è la fatica di chi, schierandosi e mantenendo chiarezza di scelte, ricerca la mediazione nella vita pratica, dal compromesso di chi alla fine si pone come conservatore dello status quo, sta sempre dalla parte dei potenti e fa di tutto per non turbare una falsa pace, contrabbandata con l’atteggiamento di sottomissione ai criteri dell’interesse personale, del profitto e del potere mondano. Gesù ai suoi dice ‘tra voi non è così’ e apre ad una capacità di scelta e di schieramento chiaro che si espone alle divisioni e al conflitto. Nella storia proprio i tessitori di pace vera, che è scelta di stare dalla parte delle vittime e ai poveri, come Gesù, sono coloro che generano le reazioni più dure perché con la loro stessa presenza denunciano e contestano i sistemi di potere preoccupati di una pace come assuefazione e come sottomissione. In questi giorni siamo in apprensione per la sorte di Paolo Dall’Oglio, gesuita che ha speso la sua vita nella direzione del dialogo tra culture e fedi in Siria e ora è vittima di una guerra civile in cui la pace è calpestata. La presenza di profezia genera sempre ostilità e desiderio di spegnere il fuoco della passione.

L’ultima parola può essere indicata come invito a maturare la capacità di giudicare il tempo. Quanto sarebbe importante accogliere questa parola per la vita delle comunità. La ricerca di leggere il tempo presente non è ambito riservato alla gerarchia ma dovrebbe essere cammino condiviso, vissuto nell’ascolto reciproco, dando spazio alla formazione di credenti adulti, capaci di discernimento e di scelte e ad una possibilità di confronto e dibattito nelle comunità. In un ascolto della Parola, in un ascolto del tempo e in un ascolto degli altri, delle voci dei poveri e delle voci che provengono da chi cerca e da chi soffre. E tutto ciò nella fatica di comprendere e valutare il tempo. In tale direzione la preoccupazione prima in una comunità cristiana dovrebbe essere quello di far crescere persone capaci di valutare, di interrogarsi insieme sul proprio tempo alla luce della Parola e della vita stessa di Gesù. Una certa tendenza oggi diffusa a vivere una spiritualità che conduce a estraniarsi dalle questioni difficili della vita e della storia è lontana dall’immersione che Gesù ha vissuto nella sua vita e che chiede ai suoi.

Alessandro Cortesi op

Navigazione articolo